Il Vietnam negli scatti di Simone Sapienza

Charlie Surfs on Lotus Flowers di Simone Sapienza è stato selezionato tra i 20 talenti emergenti under 35 per il Foam Talents 2020, la call lanciata dal Foam di Amsterdam per fare il punto sulla fotografia contemporanea.

L’idea di Charlie Surfs on Lotus Flowers nasce nel 2015 come progetto di laurea quando Simone era studente presso l’ University of South Wales, Newport in Galles.

Duranti gli studi di fotografia, Simone viene colpito dalla storia della guerra in Vietnam, che non aveva affrontato nei programmi scolastici e che conosceva solo attraverso le suggestioni scaturite dal racconto nei film americani. 

Nello stesso periodo, in uno studio di comparazione dei prezzi del Big Mac nei fast food di tutto il mondod (Big Mac Index ) aveva notato come l’economia vietnamita stesse cambiando ed espandendosi velocemente.

Per produrre il lavoro si reca in Vietnam tre volte, tra il 2015 e il 2017 e, mentre il suo progetto di ricerca si sviluppa, lo sottopone ai migliori esperti di fotografia internazionale durante incontri e letture portfolio. 

Proprio da una lettura con Alex Bocchetto, durante FotoLeggendo 2016, prende spunto l’idea di una produzione editoriale, che vedrà la luce nel 2018 con l’uscita del libro omonimo, pubblicato da AKINA

Charlie Surfs on Lotus Flowers racconta l’espansione economica e sociale del Vietnam dei giorni nostri, ma anche la disillusione rispetto l’idea di rivoluzione, in uno stile allegorico e mai esplicito che mescola fiction e realtà. Gli Stati Uniti sconfitti da una delle guerre più drammatiche dell’ultimo secolo risultano infatti vincitori sul lungo periodo, poiché il 95% della popolazione vietnamita dichiara oggi di essere favorevole all’economia capitalista. Il paese è giovanissimo, l’età media è di circa 40 anni, l’economia è in forte espansione, ovunque si percepisce un forte ottimismo e tutti credono nel modello economico liberale, nonostante il Paese sia una delle cinque dittature comuniste rimaste al mondo.  

Anche se non è mai esplicito, lo sguardo di Sapienza, a 50 anni dal nostro boom economico e in piena crisi finanziaria, non può non guardare in maniera disincantata all’entusiasmo dei giovani vietnamiti, forti che l’economia capitalista consentirà loro di vivere una vita agiata e più felice.

Nato nel 1990 e figlio dell’epoca berlusconiana, Simone affronta anche il rapporto tra potere politico e spettacolo, con immagini che alludono allo spettacolo come strumento politico per compiacere e controllare le masse. Imponente è anche la ricerca iconografica che Simone ha compiuto negli archivi storici vietnamiti e che riporta nel suo lavoro, come la fotografia dell’autobus davanti a un cancello, rimando all’immagine del carro armato che si abbatte sull’ingresso del palazzo presidenziale durante la caduta di Saigon.

Charlie Surfs on Lotus Flowers rimane in mostra fino all’11 ottobre presso gli spazi di Officine Fotografiche Milano, Ingresso gratuito. 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *