Asselin mette a disposizione gratuitamente il suo libro sulla Monsanto

Il libro cartaceo, pluripremiato, è ormai un oggetto da collezione, oltre che un “must have” per l’altissimo livello qualitativo. La mostra ha girato tutto il mondo. L’autore, Mathieu Asselin, è uno di quei fotografi impegnati e appassionati. Tanto da decidere di mettere a disposizione di tutti, gratuitamente, il pdf del suo libro. Perché questa storia, perché questa indagine, fa parte di quei grandi temi che bisognerebbe conoscere. Tutti.

Nato nel 2011, il progetto Monsanto®: a Photographic Investigation ha visto per cinque anni il fotografo Mathieu Asselin impegnato a documentare gli effetti nocivi, negli Stati Uniti e in Vietnam, di alcuni prodotti della multinazionale americana. Attraverso ritratti, foto di paesaggio, still life e materiali d’archivio (documenti, oggetti, video, testimonianze, articoli…) Asselin ha realizzato un’indagine approfondita a più livelli che ricostruisce in modo obiettivo – e, forse per questo, ancora più drammatico – la storia di Monsanto.

Il volume immerge il lettore nel complesso “sistema” della multinazionale statunitense, e lo fa conducendo l’inchiesta su un doppio binario. Vengono così mostrate le conseguenze delle altissime concentrazioni di policlorobifenili in Alabama, le vittime di terza generazione del defoliante Agent Orange utilizzato durante la Guerra in Vietnam, la pressione esercitata a livello globale sugli agricoltori a favore dell’utilizzo di sementi OGM, ma non solo.

Componente fondamentale del progetto è l’accurata ricostruzione delle strategie di marketing e comunicazione dell’azienda che rivelano, soprattutto grazie ai documenti più lontani nel tempo, una inquietante visione del rapporto natura-scienza. Emerge così che Monsanto® intrattiene “relazioni pericolose” con il governo degli Stati Uniti, soprattutto con la FDA (Food and Drugs Administration).

Mentre la multinazionale è impegnata a diffondere nuovi prodotti e tecnologie, scienziati, ecologisti, istituzioni a tutela dei diritti umani si battono per portare l’attenzione sui danni arrecati da Monsanto® in ambiti quali la salute pubblica, la sicurezza del cibo e la sostenibilità ecologica – questioni che determinano il futuro del pianeta. Muovendosi tra passato e presente, questo libro mostra come potrebbe essere il futuro se lasciato nelle mani di aziende come Monsanto®.

Per informazioni sul progetto: https://www.mathieuasselin.com/monsanto

Per scaricare gratuitamente il libro: https://www.mathieuasselin.com/store/monsanto-a-photographic-investigation-free-download

 

Ami Vitale e la vita segreta dei panda

Un guardiano effettua un controllo sanitario sul cucciolo del panda gigante Xi Mei presso la Riserva naturale di Wolong gestita dal Centro di ricerca e ricerca cinese per il panda gigante nella provincia di Sichuan, Cina, 31 ottobre 2015. (Foto di Ami Vitale)

Travestirsi da panda per poterli fotografare, restando fedeli al proprio mantra professionale ed etico: “vivere la storia”. E’ così che Ami Vitale, ambasciatrice Nikon e fotografa di National Geographic, ha voluto raccontare come il Sichuan sta ripopolando la Cina del suo ambasciatore più famoso: il panda. Grazie a un accesso privilegiato e alla sua tenacia, la Vitale ha seguito e documentato la vita segreta degli orsi del bambù, il loro lungo percorso per tornare in un habitat naturale, sulle montagne della riserva forestale di Li Zi Ping, indossando un costume bianco e nero coperto di urina che le consentisse di avvicinare da “invisibile” i giganteschi animali e i loro cuccioli. E dimostrando quanto anche in un paese dove le cattive notizie ambientali sono all’ordine del giorno si possano trovare storie di speranza.

Il panda YeYe, 16 anni, aspetta nel suo recinto presso la Riserva naturale di Wolong gestita dal China Conservation and Research Center per il panda gigante nella provincia di Sichuan, Cina, 30 ottobre 2015. Il cucciolo di 2 anni di YeYe sta finendo l’addestramento prima di essere lasciato libero. (Foto di Ami Vitale)

Foto di Ami Vitale

D’altro canto l’autrice non è nuova a esperienze totalizzanti: andata in Guinea Bissau per documentare le conseguenze della guerra civile, è rimasta nel paese sei mesi, ha imparato la lingua locale, ha vissuto in capanne, contratto la malaria, lavorato al fianco delle altre donne (anche se ritenuta da loro inutile, visto che priva di marito e figli).

Una madre e il suo cucciolo giocano all’interno di un recinto del Wolong China Conservation & Research Center for the Giant Panda, (CCRCGP), 18 aprile 2015. Il cucciolo viene preparato a essere inserito nella foresta e i custodi dei panda devono indossare costumi da panda coperti da urina di panda in modo che non acquisiscano familiarità con gli umani prima di essere rimandati nella natura. (Foto di Ami Vitale)

Dopo la guerra, le emergenze sociali e umanitarie, le grandi istanze socio economiche, Ami ha deciso di dedicarsi alle tematiche naturali e ambientali, la grande urgenza del terzo millennio. I panda giganti, il loro ripopolamento e la perseveranza degli scienziati cinesi nel volersi opporre al rischio dell’estinzione della specie, resistendo alle lusinghe degli zoo di tutto il mondo e combattendo contro la deforestazione della loro casa (le foreste di bambù), sono solo parte di un suo più grande progetto di documentazione globale: in Kenya ha seguito le organizzazioni che preservano gli ultimi rinoceronti e gli elefanti, in Niger si è occupata delle giraffe. Ed è stata l’autrice del calendario Lavazza 2019 “Good to earth”, dodici storie di una buona interazione fra uomo e natura.

Foto di gruppo per 18 cuccioli nel centro Bifengxia per il panda gigante, nella provincia di Sichuan, Cina, ottobre 2015. (Foto di Ami Vitale)

Per informazioni sull’autrice: www.amivitale.com/

Per informazioni su “Panda Love: The Secret Life of Pandas”: https://www.amivitale.com/2018/01/panda-love-the-secret-lives-of-pandas-a-new-book-from-ami-vitale/

Ami Vitale “vestita” da panda.

Mostre come sequenze ad Arles

Fotografie di Gian Piero Corbellini

Testo di Luca Nizzoli Toetti

 

Terzo dispaccio da Les Rencontres de la Photographie di Arles, il festival di fotografia più importante del mondo, che resterà visitabile nella cittadina francese fino al 22 settembre 2019.

fotografia di Gian Piero Corbellini

Tra mostre ufficiali, mostre autoprodotte, mostre improvvisate, mostre off, mostre off off, affisioni abusive e altre migliaia di fotografie appese ovunque, non è facile distinguere, qui ad Arles, su cosa valga la pena confrontarsi e su cosa no. Il Festival quello ufficiale presenta però un programma con le idee chiare a cui noi ci affidiamo con fiducia, venendo ripagati con la moneta della qualità, quantomai rara.

Diviso in sezioni apparentemente diversissime ma in realtà complementari, che affrontano i temi del vivere e del sopravvivere in molteplici declinazioni visive, il Festival di Arles apre il suo programma cartaceo e online con 5 mostre dedicate al corpo. “Mon corps est une arme” (Il mio corpo è un arma) è il nome della sequenza (così viene definita), composta da 5 esposizioni che si accompagnano a un sottotitolo comune: Esistere, Resistere, Fotografare. Questo primo gruppo dialoga, a nostro avviso in modo perfetto, con la sequenza “Living” ovvero come recita il sottotitolo “Inventario degli spazi domestici”. Perchè se è vero che il corpo è la nostra fisicità, la prova stessa della nostra esistenza, la nostra coscienza che si fa sangue e sudore, piacere e tormento, è anche vero che il guscio in cui tentiamo di proteggere tutto ciò che ci rende vivi è lo spazio che scegliamo, ognuno a sua immagine e somiglianza, come spazio domestico. In questo intreccio fra corpi e spazi, tra vite e vita, emergono nel contesto espositivo, e sono da vedere di sicuro la mostra di Libuše Jarcovjáková, Evokativ, presso la Chiesa di Santa Anna; La Movida, Chronique d’une agitation, 1978-1988 presso il Palais de l’archeveche; “Home sweet home, la maison britannique, une histoire politique” presso la Maison des Peintres a cui strizza l’occhiolino The House, mostra di The anonymous project sempre nello stesso luogo.
Libuše Jarcovjáková scatta con semplicità e lucidità la sua vita nella Cecoslovacchia comunista tra il 1970 e il 1989: strada, notte, sesso, alcol, amore, depressione. Le imperfezioni della vita, quando vengono raccontate con onestà diventano testimonianza storica e il lavoro di Libuše va con naturalezza ad appaiarsi al ben più celebrato reportage di vita vissuta di Nan Goldin. Un bianco e nero talentuoso e ricco di atmosfera che sono l’ideale per immergersi poi nella Movida post-franchista, documentata da 4 fotografi Alberto García-Alix (1956), Ouka Leele (1957), Pablo Pérez-Minguez (1946-2012), Miguel Trillo (1953); che hanno fatto parte e partecipato alla liberazione individuale e collettiva, dopo la dittatura terminata nel 1975 in Spagna, denominata Movida. Come diceva Pérez-Minguez: “Dove tre persone condividono il desiderio di fare qualcosa insieme, c’è una movida”. Concetto che descrive perfettamente ciò che prima, durante la dittatura di Francisco Franco, non si poteva fare: mettersi insieme e condividere, partecipare a momenti di spontaneità, a volte esagerare. L’atmosfera di questa onda culturale e controculturale spagnola è descritta in modo impeccabile sia dall’allestimento che dalle fotografie.

Movida – fotografia di Gian Piero Corbellini

“Home sweet home, la maison britannique, une histoire politique” celebra l’attaccamento degli inglesi alla casa e al concetto di comfort, attraverso il lavoro di 30 fotografi d’oltremanica che in diverse epoche, ognuno con la sua indole, hanno raccontato attraverso la documentazione delle mura domestiche, la cultura, la società, i tic dei britannici. Come sfogliare un catalogo d’autore di case in vendita, corredate spesso da particolari, da ritratti di proprietarie inquilini, da pezzi di vita che si, in effetti, come recitava il titolo di una vecchia mostra di Ray-Jones e Parr: “Only in England”!
Come dicevamo, a strizzare l’occhio a questa esposizione e nella stessa location (come dicono appunto gli inglesi), c’è la mostra “The House”. Nata dalla raccolta di fotografie amatoriali trovate e ritrovate del regista Lee Schulman, animatore di The Anonymous Project, questo allestimento superdivertente ci fa riscoprire una memoria collettiva che sta per scomparire. Diapositive su visori luminosi, lightbox e stampe inserite in un allestimento che riproduce fedelmente l’interno di una casa piccolo borghese del secolo scorso, direi intorno ai ’60: queste immagini senza autore diventano istantaneamente, così come sono state scattate, il diario caleidoscopico di un’era, una società, della nostra vita analogica, oramai quasi dimenticata. La generosa presenza di ventilatori funzionanti all’interno degli spazi espositivi, rende ancora più apprezzabile la visita.

The House

The House – fotografia di Gian Piero Corbellini

The House

The House – fotografia di Gian Piero Corbellini

The House

The House – fotografia di Gian Piero Corbellini

Arriva la sera e la movida arlesiana tenta di decollare, ma forse siamo noi a essere stanchi e ebbri di fotografia, tanto da non volerne più sentir parlare, almeno fino a domani mattina, quando andremo a visitare Temple e Cosmos, i due spazi del Festival dedicati ai libri: il primo nuovo e ufficiale, il secondo storico e informale. 

Vedremo dove riusciremo a usufruire meglio della possibilità di guardare, sfogliare, annusare il luogo sacro in cui fotografi ed editori esprimono il meglio della loro arte: il libro fotografico.

fotografia di Gian Piero Corbellini

Un incontro con Andrea Camilleri. E con Robert Capa.

Testo e Fotografie di Luca Nizzoli Toetti
 
 
L’emozione per la morte di Camilleri tocca trasversalmente l’Italia intera.
Un anonimo esordio nel 1978 con “Il corso delle cose” dopo dieci anni di rifiuti; altri due libri, nel 1980 “Un filo di fumo” e nel 1984 “La strage dimenticata” senza nessun clamore. Negli anni 90 il grande successo, grazie all’editore Sellerio che lo invita a continuare a scrivere dopo una sua titubanza iniziale.
Da allora 97 libri pubblicati, 30 milioni di copie vendute e una generosissima quantità di interviste rilasciate. Non sta a me entrare nel dettaglio della sua opera letteraria: non ne ho la capacità critica e nemmeno l’ambizione. Ciò che posso fare, oltre a ricordare l’ammirazione di mia madre non solo per i suoi libri ma anche per la sua saggezza e lucidità nell’analisi delle questioni contemporanee, è ripensare all’incontro che ebbi con il Maestro siciliano nel 2008, nella sua casa romana. Un incontro preparato da Caterina Soffici, giornalista e scrittrice che l’avrebbe intervistato: a me il compito di fotografarlo . Della sua cordialità, della sua intensità sempre sostenuta da ironia e competenza, della sua vanità con cui giocava davanti all’obbiettivo della mia macchina fotografica mi ricordo oggi sfogliando le immagini realizzate in quel caldo luglio romano. 
 

Roma 3 luglio 2008, ANdrea Camilleri nella sua casa studio di Roma. Fotografia di Luca Nizzoli Toetti.

Vedendo queste fotografie mi torna in mente il suo racconto:
Lei che fa il fotografo, ma lo sa che incontrai Robert Capa in Sicilia durante la Campagna d’Italia nel 1943?”
Si alza in piedi e inizia a mimare la scena, a recitarla, come per volergli dare più credibilità:
“Eravamo nella Valle dei Templi, lui fotografava, chiedeva informazioni con un biglietto in mano con su scritto il suo nome vicino ad Agrigento e io, che all’epoca avevo vent’anni, gli diedi le indicazioni senza curarmi troppo di questo tizio vestito da militare senza pistola ma con in mano una piccola macchinetta fotografica.”
La dice così, tutta d’un fiato, poi si ferma per osservare lo stupore sul mio viso.
Silenzio.
Risata.
Sigaretta.
Grazie signor Camilleri.
 

Roma 3 luglio 2008, ANdrea Camilleri nella sua casa studio di Roma. Fotografia di Luca Nizzoli Toetti.

Roma 3 luglio 2008, ANdrea Camilleri nella sua casa studio di Roma. Fotografia di Luca Nizzoli Toetti.

Roma 3 luglio 2008, ANdrea Camilleri nella sua casa studio di Roma. Fotografia di Luca Nizzoli Toetti.

 
 
Robert Capa (celeberrimo fotografo di guerra, trai fondatori della Agenzia Magnum) al seguito delle truppe americane, si fece paracadutare in Sicilia nel 1943. Seguì le operazioni militari degli alleati realizzando un reportage sulla Campagna d’Italia che rimane una delle documentazioni fotografiche più importanti della Seconda Guerra Mondiale.
 

Les Rencontres de la photographie – Les Ateliers

Testo di Luca Nizzoli Toetti – fotografie di Cristiana Conti Borbone

Sotto l’impavido sole Arlesiano non è facile raggiungere il Parco degli Ateliers. Sono solo 500 metri fuori dall’alberata circonvallazione che cinge il centro storico, ma si contano uno per uno, mentre si costeggia la Torre Riflettente di Gehry in costruzione da qualche anno, che sovrasta lo spiazzo impolverato e gli ex edifici industriali che ospitano alcune delle mostre de les Rencontres.
Non appena si entra, sudore polvere e fatica diventano un ricordo lontano: i due padiglioni infatti, Mécanique Générale e Les Forges ospitano due delle mostre più coinvolgenti della rassegna.

 
Negli spazi di Les Forges la mostra ‘Restless Bodies – East German photography 1980-1989’, ci avvicina alle vite nascoste dei fotografi e artisti della Germania dell’Est nel decennio prima della caduta del muro. La libertà interiore di una generazione alle prese con un linguaggio ibrido che affonda le sue radici negli anni ’80 emerge nelle fotografie che raccontano la singolarità delle vite e delle relazioni con e fra i corpi e gli spazi, senza rinnegare la grande tradizione di fotografia documentaria e umanistica propria dei decenni precedenti. Una mostra che ci fa capire la sostanza della vita senza metafore, il ribollire dell’esistenza sotto il coperchio della repressione, la solitudine dell’individuo nel confrontarsi con la collettività.
Il capannone di Mécanique Générale ospita oltre alla totalità dei libri che sono stati inviati per partecipare al prestigioso Prix du Livre, (tra cui spiccano i vincitori delle varie categorie: Libro fotografico d’autore: Stephen Gill, The Pillar; Premio libro storico Hannah Darabi, Enghelab Street – A Revolution Through Books : Iran 1979-1983; Premio libro di foto e testo Vasantha Yogananthan, Dandaka con menzione speciale per Sophie Calle, Parce Que), anche una mostra di libri scelti da Martin Parr ’50 libri per 50 anni’, che il celebre fotografo e collezionista ha estrapolato dalla sua biblioteca per omaggiare i 50 anni del festival.
Nella selezione spicca la totale assenza di libri ed editori italiani, mancanza che vista la qualità della proposta espositiva di Parr non si fa sentire ma che fa pensare: è una scelta ponderata o davvero nessun libro di fotografia italiano, negli ultimi 50 anni, merita di rientrare tra i migliori?
 
 
Ma la nostra attenzione, alla Mécanique Générale, viene rapita da ‘Photo | Brut Collection Bruno Decharme e Compagnie’, una mostra enorme in cui tutto viene ribaltato, esposizione, spettatore, prospettive e intenzioni. Può la “fotografia grezza” essere considerata arte se pur realizzata al di fuori dei circuiti artistici convenzionali, in contesti di solitudine, sofferenza o devianza personale? Questa esposizione non ci offre dubbi sulla risposta, con i suoi 500 pezzi in mostra, collage, disegni, fotografie, installazioni, performance documentate, tutti realizzati da artisti outsider, alle prese con loro stessi, i loro fantasmi e le loro idiosincrasie nei confronti del mondo, piuttosto che con curatori, critici e pubblico esigente. Una mostra incredibilmente riuscita e completa che ci apre gli occhi sulla capacità e la creatività perspicace degli emarginati, dei soli, degli ultimi e della loro lotta per emanciparsi da se stessi. Imperdibile e toccante, questo sguardo incantato e sincero fa riflettere, non solo sulla fotografia o le pratiche ad essa legate. Tantissimi gli autori, tutti da scoprire nel loro modo e nel loro mondo, grazie anche alle didascalie perfette che accompagnano la visita. 
 
 
E adesso via, ritorniamo in città. Non che non ci fossimo già ma i vicoli e le piazzette di Arles con la loro brezza rendono tutto più piacevole e ci permettono di riposare un pochino prima delle prossime visite alle innumerevoli mostre dei Rencontres 2019.

Primo giorno a Les Rencontres de la Photographie

testo e foto di Luca Nizzoli Toetti

 

Sapevamo di essere nel posto giusto, al momento giusto.
Il festival di Arles, Les Rencontres de la Photographie, riesce sempre a sorprenderci.
Intanto, con la gentilezza dei suoi abitanti, la città di Arles, che nel corso degli anni ha accettato la non sempre pacifica invasione di fotografi e affini, dimostra una capacità di accoglienza non comune.
In secondo luogo, ma non meno importante per noi che siamo arrivati qui affamati di fotografia, la qualità della proposta in termini di mostre e contenuti.

La prima mostra da cui viene naturale iniziare la visita, è ospitata ne l’Eglise des Frères Prêcheurs, un’antica chiesa gotica sconsacrata di fianco al cortile dove si ritirano i biglietti per accedere al festival: ‘Datazone’ di Philippe Chancel.
Un’immensa ricerca composta da 14 lavori realizzati in 15 anni sulla condizione del nostro pianeta: crisi ambientali, emergenze climatiche, sviluppo urbanistico folle, realtà distopiche.

Il lavoro di Chancel analizza il nostro mondo con lucidità e saggezza, proponendo 14 diversi corpi di lavoro pensati come soggetti singoli che formano un unico, mastodontico, completo reportage valorizzato dalla scenografica ambientazione della chiesa sconsacrata che ogni anno accoglie una della mostre più importanti dell’intero festival.

Philippe Chancel riesce a declinare la sua ricerca in 14 stili diversi dicendo: “Ho pensato a come rendere in modo diverso ogni lavoro, con stili che sembrano differenti, ma il fotografo è sempre lo stesso, sono io.”
Coinvolgente, intelligente, un lavoro di facile lettura e complessa analisi: una vera lezione di fotografia.

Arles, Les Rencontres de la photographie compie mezzo secolo.

Dal 1 Luglio 2019 ad Arles in Francia, inizia la 50esima edizione di Les Rencontres de la photographie.
La kermesse francese si è guadagnata nel corso degli anni la giusta nomea di luogo d’eccellenza per il confronto, la scoperta, l’approfondimento sulla fotografia contemporanea.


Con uno sguardo al passato, la consapevolezza del presente, e una giusta attenzione al futuro (l’unica cosa non fotografabile), gli incontri di Arles sono un contesto importantissimo per chi vuole confrontarsi, sia a livello professionale che amatoriale con la fotografia, immergendosi nella incredibile proposta culturale offerta sia nella prima settimana, quella di apertura in cui la cittadina francese viene invasa da professionisti da tutto il mondo e non è raro trovarsi a passeggiare per le vie arlesiane a fianco dei più celebri fotografi, come nelle settimane a venire, in cui le numerosissime mostre rimangono aperte al pubblico.

In questa edizione, che celebra il 50esimo compleanno del festival, nelle parole dell’ attuale direttore Sam Stourdzé, durante la conferenza stampa di presentazione, il ricordo dei fondatori Michel Tournier, Lucien Clergue e Jean-Maurice Rouquette e del lavoro visionario che fecero anni fa per creare questo luogo di incontro e di confronto per la comunità fotografica internazionale, ha lasciato il passo all’illustrazione delle idee e dell’impeto che ha portato l’organizzazione ad allestire 50 mostre per questa 50esima edizione.
“Les rencontre de la photographie” non subiscono quindi la crisi dei 50 e rilanciano con una edizione che lo stesso direttore definisce “sproporzionata, come l’energia che guida la fotografia.”

Durante la settimana di apertura, 1-7 luglio, noi di Officine Fotografiche vi racconteremo il festival con alcuni post da Arles, per condividere con voi la nostra immersione fotografica nel festival più importante dell’anno.

Qui il sito del festival con tutte le informazioni per partecipare al’evento.
https://www.rencontres-arles.com/fr

Mettici la faccia! – Iniziativa di solidarietà e beneficienza contro il cyberbullismo

Una serata di solidarietà, beneficenza e divertimento: giovedì 20 giugno, a partire dalle 18, il Tongs bar di via Vigevano (Milano) si trasforma in un set fotografico. L’occasione è ludica e generosa al tempo stesso. Si posa – la partecipazione non è obbligatoria – per un ritratto con un professionista del settore, si sceglie il tipo di stampa (carta fotografica normale o fine art, incorniciata in due diverse soluzioni o meno) e l’intero ricavato delle vendite viene devoluto a finanziare un progetto contro il cyberbullismo. Con obiettivi concreti, non donazioni generiche. Da qui lo slogan che è anche il titolo dell’appuntamento: Mettici la faccia.

A organizzare per il terzo anno consecutivo gli amici del liceo di Pancho Mazza, che alla sua scomparsa hanno voluto dedicare una onlus, Panchito’s Way. Destinatario dei proventi sarà la Fondazione Carolina, intitolata a una quattordicenne vittima del branco della rete che si è tolta la vita e che da tempo lavora alla sensibilizzazione di tutti i soggetti coinvolti (non a caso il motto è: Le parole fan più male delle botte).

L’autore delle immagini: Marco Curatolo è un fotografo professionista che vive e lavora a Milano. Con lui verrà allestito al Tongs un set per realizzare ritratti d’autore a tutti quelli che vorranno condividere l’impegno della onlus Panchito’s Way e tornare a casa con una foto da conservare, regalare o condividere. A margine, il fotografo Nanni Fontana, da sempre impegnato in reportage a sfondo sociale e alla documentazione di minoranze (è di pochi mesi fa la sua mostra in Triennale realizzata dopo un lungo lavoro nel carcere di San Vittore) realizzerà delle immagini da “mettere al muro” del Tongs, una piccola installazione per una grande presa di posizione.

 

Per informazioni:
Panchito’s Way – www.panchitosway.com
Fondazione Carolina – http://www.fondazionecarolina.org/

‘Una diversa bellezza. Italia 2003 – 2018’ una mostra di Emiliano Mancuso

Domani 13 giugno inaugura al Museo di Roma in Trastevere “Una diversa bellezza. Italia 2003-2018”, una mostra dedicata al lavoro del fotografo Emiliano Mancuso, scomparso prematuramente lo scorso anno. 

Rome, 2009. Via dei Fori Imperiali Roma, 2009. Via dei Fori Imperiali

La mostra è a cura di Renata Ferri che ha selezionato quattro differenti corpi di lavoro realizzati lungo l’arco di quindici anni in cui emerge un’umanità dolente, un’Italia ferita alla costante ricerca della sua identità in un perenne oscillare tra la conferma dello stereotipo e la cartolina malinconica.

Emiliano Mancuso ha usato tecniche e linguaggi diversi: bianco e nero, colore, immagini digitali o analogiche. E le polaroid, importanti poiché nella loro immediatezza accompagnano il passaggio dell’autore dall’immagine fissa a quella in movimento che lo porterà, nell’ultima parte della sua vita, a essere regista. Senza abbandonare il suo terreno d’indagine, semmai amplificandolo grazie all’audio e al video, Emiliano Mancuso traccia un paese intessuto di microstorie, di esperienze che ci appaiono nude nella loro sincerità. 

In mostra saranno esposte circa 150 fotografie che fanno parte dei principali lavori di Emiliano Mancuso:

Terre di Sud (2003-2008): un progetto fotografico sul Mezzogiorno che, nell’epoca della globalizzazione, si trova ancora a fare i conti con i vecchi termini della “questione meridionale”. Dal lavoro è stato realizzato un libro, Terre di Sud, pubblicato nel 2008 dalla casa editrice Postcart.

Stato d’Italia (2008-2011): un viaggio lungo tre anni attraverso l’Italia, alla ricerca di storie, cronache e volti della crisi economica e sociale: gli sbarchi di Lampedusa, Rosarno e la rivolta dei braccianti africani, i ragazzi di Taranto assediati dai fumi delle acciaierie Ilva. Anche questo lavoro è diventato un libro, Stato d’Italia, pubblicato nel 2011 da Postcart. 

Rome, 2009. Casilino ‘900 Roma, 2009. Casilino ‘900

Il Diario di Felix (2016): è un lavoro realizzato a Casa Felix, la casa famiglia di Roma dove vengono ospitati sia minori del circuito penale che scontano misure alternative al carcere, sia minori civili. Il Diario di Felix racconta l’ultimo anno di permanenza all’interno della struttura di un gruppo di otto ragazzi.

Le Cicale (2018, co-regia di Federico Romano): è un viaggio intimo della vita di quattro persone, già andate in pensione o in procinto di andarci, e il loro barcamenarsi per riuscire ad avere delle condizioni di vita dignitose nonostante una vita di lavoro.

I differenti capitoli della mostra sono accompagnati dai testi di Lucia Annunziata, Domenico Starnone e di Mimmo Lombezzi, oltre che della curatrice Renata Ferri.

L’esposizione è promossa da Roma Capitale, Assessorato alla Crescita culturale -Sovrintendenza Capitolina ai Beni Culturali ed è prodotta e organizzata da Officine Fotografiche con Zona, PCM Studio, Postcart edizioni in accordo con la famiglia di Emiliano Mancuso, ed è realizzata con il supporto di Digital Imaging partner di Canon. 

Jul 2005 Naples. Three girls going on the small engine to the sea to Posillipo

Biografia dell’autore 

Nato a Roma nel 1971, Emiliano Mancuso è stato un fotografo e regista che ha privilegiato come terreno d’indagine la realtà, soprattutto quella più invisibile e spesso taciuta. Dopo la laurea in Filosofia, Emiliano Mancuso sceglie la fotografia come mezzo espressivo per documentare la società contemporanea e le sue criticità, dapprima viaggiando a lungo in Amazzonia e successivamente dedicandosi prevalentemente al racconto dell’Italia e delle sue contraddizioni.
Nel 2006 pubblica il suo primo libro Made in Italy (ed. Trolley Books), in occasione del centenario della CGIL e nel 2008 Terre di Sud (ed. Postcart): un variegato e colorato affresco sul Mezzogiorno che nel terzo millennio è ancora alle prese con l’antica e mai risolta “questione meridionale”. L’Italia e le sue problematiche diventano l’oggetto di un nuovo percorso di approfondimento. Questa volta accompagnato da quattro giornalisti, perlustra il Paese seguendo delle aree tematiche: il dissesto idrogeologico, l’immigrazione, la crisi politica e istituzionale e la povertà, quest’ultimo tema caro all’autore, che riprenderà come regista, con differenti declinazioni, nei successivi documentari.
Il lavoro è raccolto nel volume Stato d’Italia (ed. Postcart, 2011). Docente appassionato, diventa direttore del Master in Fotogiornalismo contemporaneo presso Officine Fotografiche Roma. Ha collaborato con tutte le più prestigiose testate nazionali e internazionali. Dal 2012, pur senza abbandonare la fotografia, si dedica al linguaggio dell’audiovisivo e del documentario.  È del 2014 il suo primo lavoro, Il diario di Felix, realizzato interamente all’interno di Casa Felix, una casa-famiglia alla periferia est di Roma, che ospita minori con problemi familiari e penali.
Il lungometraggio è selezionato al Festival dei Popoli edizione 2015 nella sezione Panorama ed è nominato nello stesso anno al Globo d’oro come miglior documentario. Nel 2018 realizza con Federico Romano il documentario Le cicale, film dedicato agli anziani che vivono a Roma con la pensione minima. È un viaggio intimo nella vita di persone, pensionate o in procinto di esserlo, che si ritrovano a lottare per sopravvivere invece di godere una vecchiaia serena. Il documentario è stato selezionato in concorso al Festival Visioni dal mondo 2018.
Emiliano Mancuso muore prematuramente all’improvviso, nel settembre 2018.

 

Il mare che vorrei

In occasione di Milano PhotoWeek, la Rotonda della Besana si trasforma in un mare a cielo aperto.

Un percorso ispirativo ed educativo che parte dalla fotografia per coinvolgere adulti e bambini coinvolgendoli in un momento di incontro e scoperta su un tema centrale per la nostra contemporaneità: gli Oceani e la loro salvaguardia.

Un percorso fotografico dedicato agli Oceani in collaborazione con Underwater Photographer of the Year 2019. Nato nel 1965, UPY è il più prestigioso concorso fotogra co con l’obiettivo di celebrare il mondo sottomarino. In occasione di MPW, la Rotonda della Besana accoglie un racconto per immagini che mostrano la natura, le meraviglie degli abissi, il rapporto con l’uomo e i pericoli ai quali stanno andando incontro i mari.
Attraverso numeri, domande e suggestioni, che accompagnano il progetto, la fotogra a diventa uno strumento per creare un viaggio nelle meraviglie degli abissi e un percorso di sensibilizzazione e informazione adatto a tutti.

Sabato 8 giugno il MUBA e Daniele Papuli o rono ai più piccoli l’opportunità di partecipare a un atelier d’artista per realizzare un mare a cielo aperto: il percorso fotografico rappresenta il punto di partenza del laboratorio che muove dalle fotogra e per trasformare le ri essioni che emergono in un mare tridimensionale. I bambini, attraverso un materiale così semplice e antico come la carta, con frammenti, piccole geometrie ritagliate, sagomate o con segni e disegni raffigurano i tesori, l’habitat, gli abitanti e le loro visioni del mare.
Il risultato sarà visibile fino a domenica 9 giugno.