Le immagini di Maddalena Arcelloni all’Other Size Gallery

Cosa rimane alla fotografia di moda quando – come accaduto in questi mesi di pausa forzata – deve fare a meno della moda stessa?

Le rimane il corpo, nudo, sembra rispondere “Incredibly Close”, il progetto fotografico inedito di Maddalena Arcelloni, a cura di Giusi Affronti, in esposizione dal 23 settembre presso la Other Size Gallery di Milano, proprio nel pieno di una Fashion Week milanese che si preannuncia diversa da tutte le altre.

Fino al 20 novembre, in dodici scatti di piccolo e grande formato, la fotografa presenta il corpo maschile – per di più imperfetto e per niente idealizzato – come unico luogo di scoperta possibile in un momento storico che vieta la novità di luoghi inesplorati.

Maddalena Arcelloni, fotografa di moda che si divide tra Milano e New York, si trova negli Stati Uniti quando scattano le misure di confinamento per l’emergenza Covid-19. Più precisamente nel Maine, a condividere, fortuitamente e forzatamente, un appartamento con un uomo sconosciuto.

L’obiettivo della sua macchina fotografica sarà lo strumento che la aiuterà a conoscerlo, sondandone i frammenti di pelle, le imperfezioni, le pieghe, le cicatrici. E rendendoglielo incredibilmente intimo e incredibilmente vicino.

Attraverso il suo medium, la fotografa arriva alle fondamenta del corpo, all’essenza e all’essenziale.

La bocca, la lingua, la palpebra, l’ombelico, le articolazioni: alcuni particolari sono fotografati secondo una prospettiva iperrealistica. Ma pur affondando letteralmente lo sguardo nel corpo, gli scatti di Maddalena restituiscono un’estetica eterea, rischiarata da una luce diafana che rende la carne impalpabile e la trasforma in materia spirituale.

In un momento in cui l’industria della moda è stata fermata dall’emergenza pandemica, in una condizione di lockdown e di distanziamento sociale che ha impedito alla fotografa di lavorare all’interno di un set e in presenza di una o più modelle/i, Maddalena Arcelloni traduce la deflagrazione di uno star system in un progetto fotografico che recupera le radici più intime della relazione con l’Altro, indagandone i linguaggi, le forme e i sentimenti possibili in maniera scientifica e sensuale.

Il lavoro di Maddalena Arcelloni spicca per l’individualità della ricerca e della personale visione della moda, esprimendo allo stesso tempo un’estetica contemporanea. Il dissolversi dei confini tra generi e categorie fotografiche, una capacità narrativa versatile, di forte impatto sulla carta stampata come sui social media, un modo radicalmente diverso di raffigurare il corpo e la gestualità.

 

La mostra rientra nel programma espositivo di Photofestival, rassegna internazionale di fotografia che si tiene a Milano dal 7 settembre al 15 novembre 2020.

 

Other Size Gallery, Via Andrea Maffei 1, 20135 Milano

24 settembre – 20 novembre 2020

lun – ven, ore 10 – 18

OLTRE TEVERE | Un’indagine visuale collettiva lungo il fiume della città eterna

400 km di percorso a piedi, attraverso 4 regioni 56 comuni d’Italia, per scoprire e raccontare alcuni dei luoghi più suggestivi dell’intera penisola e mappare un cammino ancora inedito lungo il Tevere. Il progetto, partito sabato 5 settembre, coinvolge sei fotografi professionistiPietro VertamyIlaria Di Biagio, Claudia Gori, Marco Zorzanello, Giuseppe Chiantera e Claudia Borgia e il documentarista e sociologo Marco Saverio Loperfido, in un cammino lungo un mese per realizzare un’indagine visuale collettiva dei territori lambiti dal fiume sovrano della città eterna. 

© Ilaria Di Biagio_Around The Walk

Dal Monte Fumaiolo –punto di partenza sabato 5 settembre- nell’estremo sud della Romagna vicino alla cui vetta a 1268 m s.l.m si trova la sorgente del “fiume sacro ai destini di Roma”, fino agli argini dell’Idroscalo di Ostia, e a Roma, dove il cammino si concluderà il 4 ottobre con un evento sul barcone Marevivo in occasione del Tevere Day, Oltre Tevere vuole esser un’esperienza di viaggio da vivere con ritmi nuovi, nel rispetto di ambiente e del paesaggio, in cui il cammino è lo strumento privilegiato di comprensione del territorio,  per creare momenti d’incontro e scambio con le comunità locali, e attivare una catena di buone pratiche con effetti positivi “contagiati e contagianti”.

©Claudia Borgia

Oltre Tevere infatti non è un semplice cammino, ma rientra in un più ampio progetto rivolto a creare una piattaforma stabile per la rivitalizzare del Tevere come destinazione e risorsa pubblica, dove natura e cultura dialogano. Un obiettivo avviato già decenni fa dalla curatrice newyorkese Kristin Jones, con la fondazione di Tevereterno onlus, immaginando e realizzando una programmazione culturale sul fiume Tevere, con iniziative come Piazza Tevere, inaugurata nel 2005 con il monumentale fregio She Wolves, e in tempi più recenti con il noto murale Triumph & Laments di William Kentridge.

In quest’ottica il cammino di Oltre Tevere è un prezioso strumento non solo di riscoperta del più antico modo di viaggiare ridotto alla sua essenza, ecologico ed ecosostenibile, ma anche un mezzo di valorizzazione di quell’Italia “minore”, lontana dal turismo di massa.

©Giuseppe Chiantera

 

Oltre Tevere è un progetto di PhotoTales 

In collaborazione con Eternal Tiber, Around The Walk, Ammappalitalia

Con il Patrocinio di Autorità di Bacino Distrettuale dell’Appennino Centrale, ENIT, Legambiente, Riserva Naturale Tevere Farfa e i Comuni di Verghereto, Pieve Santo Stefano, Sansepolcro, Città di Castello, Marsciano, Todi, Baschi, Alviano

Media Partner: Lonely Planet Magazine Italia

Con il sostegno di: Cà Solare, Libera Università di Alcatraz, Casette di Gloria, Maridiana, Ecoturismo Tevere Farfa, Associazione culturale CCPAS, Spazio Corsaro

Sponsor: Marevivo, Radica, Outdoor Experience

Premio Marco Bastianelli per miglior libro fotografico

C’è tempo fino al 15 maggio per partecipare alla 16esima edizione del Premio Marco Bastianelli per il miglior libro fotografico.

Il premio è suddiviso in due categorie:

– opera di autore italiano

– opera autoprodotta di autore italiano, self-publishing o libro d’artista 

Il premio istituito per ricordare Marco Bastianelli intende contribuire alla diffusione e conoscenza dei libri di fotografia, tema a cui Marco era molto sensibile ed al quale aveva dedicato per molti anni una autorevole e seguita rubrica di critica sulle riviste di fotografia.

Il libro Archivi Fotografici Italiani a cui Marco si era dedicato con  entusiasmo e passione è stato il primo libro in Italia ad occuparsi dell’argomento ed è tuttora un punto di riferimento per chi si occupa di archivi fotografici.

L’associazione culturale DIECIQUINDICI intende proseguire questo impegno ponendo l’attenzione sul lavoro di fotografi ed editori che si sono distinti in questi anni per l’elevata qualità delle produzioni nell’ambito dell‘editoria fotografica. Si intende promuovere il libro fotografico nella sua forma di progetto completo ed innovativo nella fotografia, nella grafica come nella capacità descrittiva della narrazione e nell’estrema libertà di sperimentare forma, struttura, materiali e contenuti che offre il libro d’arte misurandosi con lo spazio compositivo del foglio e dell’immagine.

Helmut Newton. Works alla GAM di Torino

Ha aperto oggi, 30 gennaio, la grande retrospettiva Helmut Newton. Works,  promossa da Fondazione Torino Musei e prodotta da Civita Mostre e Musei con la collaborazione della Helmut Newton Foundation di Berlino.

Il progetto espositivo è a cura di Matthias Harder, direttore della fondazione tedesca, che ha selezionato 68 fotografie con lo scopo di presentare una panoramica, la più ampia possibile, della lunga carriera del grande fotografo che sin dagli inizi non ha mai smesso di stupire e far scalpore per i suoi concetti visivi veramente unici. Il risultato è un insieme di opere non solo particolarmente personali e di successo, ma che hanno raggiunto un pubblico di milioni di persone anche grazie alle riviste e ai libri in cui sono apparse, e alle mostre delle sue foto.

Nel percorso di mostra si spazia dagli anni Settanta con le numerose copertine per Vogue, sino all’opera più tarda con il bellissimo ritratto di Leni Riefenstahl del 2000, offrendo la possibilità ai visitatori di comprendere fino in fondo il suo lavoro come mai prima d’ora.

68 fotografie in quattro sezioni che rendono visibile come in questo lungo arco di tempo, Newton abbia realizzato alcuni degli scatti più potenti e innovativi del suo tempo.

Numerosi ritratti a personaggi famosi del Novecento, tra i quali Andy Warhol (1974), Gianni Agnelli (1997), Paloma Picasso (1983), Catherine Deneuve (1976), Anita Ekberg (1988), Claudia Schiffer (1992) e Gianfranco Ferré (1996). Delle importanti campagne fotografiche di moda, invece, sono esposti alcuni servizi realizzati per Mario Valentino e per Thierry Mugler nel 1998, oltre a una serie di importanti fotografie, ormai iconiche, per le più importanti riviste di moda internazionali.

Helmut Newton. Works, retrospettiva alla Gam di Torino

Il chiaro senso estetico di Newton pervade tutti gli ambiti della sua opera, oltre alla moda, anche nella ritrattistica e nella fotografia di nudi. Al centro di tutto le donne, ma l’interazione tra uomini e donne è un altro motivo frequente della sua opera.

Helmut Newton morì improvvisamente il 23 gennaio 2004 a Los Angeles, prima di poter assistere alla completa realizzazione della Fondazione a lui dedicata.

Helmut Newton. Works è il titolo del grande volume edito da Taschen che comprende anche le foto esposte in mostra e ne rappresenta idealmente il catalogo.

Tutte le info sul sito della GAM:

https://www.gamtorino.it/it/eventi-e-mostre/helmut-newton

Televisiva | La nuova mostra di Stefano De Luigi a Milano

Con il progetto inedito “Televisiva” del fotografo Stefano De Luigi, quattro volte vincitore del World Press Photo, Other Size Gallery by Workness di Milano inaugura la programmazione espositiva 2020 che sarà interamente dedicata alla fotografia d’autore.

Nei 32 scatti in bianco e nero – esposti dal 6 febbraio fino al 10 aprile nella mostra a cura di Giusi Affronti – la narrazione si concentra sull’universo televisivo italiano degli anni Novanta, la sua storia, i backstage e i personaggi, restituendo il fermo-immagine di un’epoca che ci parla in modo drammaticamente attuale anche dell’oggi.

In un periodo compreso tra il 1994, anno del primo governo Berlusconi, e il 2000, segnato dalla messa in onda del Grande Fratello, primo reality show italiano, Stefano De Luigi elabora il suo progetto fotografando i set televisivi di trasmissioni emblematiche di quel periodo creando un archivio di immagini dell’entertainment insieme a una galleria di ritratti di presentatori e starlette, da Mara Venier a Wendy Windham, da Paolo Bonolis a Platinette.

Tra satira e inquietudine, la fotografia di De Luigi scruta sotto la superficie di paillettes dello spettacolo televisivo, rappresentato come un microcosmo carnevalesco di showmen, ballerine e creature circensi nate dalla fantasia degli autori tv, e restituisce una rappresentazione umana grottesca che diviene metafora della politica e della società dell’Italia di oggi.

A distanza di venticinque anni dalla sua nascita, come una profezia, “Televisiva” denuncia il sistema di parole urlate e fake news, di facile sensazionalismo e di modelli di comportamento che, tra fascinazione e demagogia, si è traslato dalla dimensione virtuale della televisione al dibattito politico e alla quotidianità del paese reale.

Aperta la call per partecipare ai seminari gratuiti del Premio Ghost

Nel 2019 è stato istituito in Italia il primo premio dedicato alla valorizzazione delle figure attive nella post-produzione fotografica digitale.

Promosso dal MiBACT – Direzione Generale Creatività contemporanea e Rigenerazione urbana in collaborazione con Officine Fotografiche, il Premio Ghost si è proposto di sollevare l’attenzione sull’effettivo ruolo svolto da queste figure tecnico/creative di ambito fotografico e sulla genesi dei processi operativi della fotografia digitale, come sul lavoro di gruppo che può esservi dietro. Il concorso richiedeva la presentazione di un lavoro di post-produzione digitale composto da un massimo di 6 immagini, realizzato a partire da una o più fotografie di un unico autore (diverso dal post-produttore), di un testo di descrizione delle scelte interpretative e dei corrispondenti interventi di post-produzione, nonché la presentazione di un curriculum attestante l’attività professionale nel settore.

Ad ottobre 2019 si è conclusa la prima fase, con la proclamazione dei vincitori dei quattro premi di 4000 euro messi in palio: Hugo Weber (foto di Paolo Ventura), Alessandro Zoboli (foto di Alex Majoli), Paolo Lecca (foto di Gulio Di Sturco), Martina Romano (foto di Letizia Toscano).

La seconda fase del Premio si svolgerà nel 2020 e prevede che i vincitori partecipino ad una mostra dei lavori in concorso e tengano dei seminari a giovani under 35, tra fotografi, post-produttori e studiosi della materia, per illustrare le loro modalità operative in relazione ai lavori presentati in concorso e al rapporto instaurato col fotografo autore delle foto originarie.

I seminari sono in programma a Roma sabato 8 e domenica 9 febbraio 2020 presso gli spazi di Officine Fotografiche Roma (via Giuseppe Libetta,1), anticipati venerdì 7 febbraio da un talk di presentazione del progetto da parte dei promotori del Premio.

La partecipazione è gratuita e su selezione, limitata ad un gruppo di 20 persone. 

Nei seminari saranno discussi vari aspetti della post-produzione e del suo essere strumento creativo e progettuale, esplorando metodi e tecniche, nonché affrontando l’indispensabile confronto con l’autore che è alla base di una collaborazione riuscita.

La deadline per presentare domanda è il 17 gennaio 2020.

Qui tutte le informazioni sul programma e le modalità di partecipazione 

 

LA MAGNUM FOUNDATION ANNUNCIA I GRANT DEL 2019

Dal 2007 la Magnum Foundation ha supportato più di 250 fotografi in oltre 100 paesi. Nominata da una vasta rete internazionale di partner, la comunità di fotografi riflette un’interessante varietà di voci e prospettive. Quest’anno si è esteso a questa comunità di beneficiari del passato un invito a chiedere il supporto per progetti nuovi e in corso. Le sovvenzioni di quest’anno consistono in oltre $130.000 di finanziamenti diretti per i fotografi, che sono stati resi possibili grazie alla collaborazione con i partner che condividono l’impegno della Magnum Foundation di espandere il vocabolario visivo.

Congratulazioni ai dieci fotografi che con i loro progetti rappresentano una narrazione innovativa, socialmente impegnata e indipendente:

 

  • The Visual Legacy: Photographic Support for the Colombian Truth Commission | Stephen Ferry
  • Tatsuniya II | Rahima Gambo
  • On Rape | Laia Abril
  • Journalism as a Social Practice in Webster City, Iowa | Brendan Hoffman
  • Last Letters | Billy H.C. Kwok
  • Tiger Eye | Heba Khalifa
  • Hidden Histories | Robert Pluma
  • Collaboration with GUWODO | Esther Mbabazi 
  • Sacred Diaspora | Pedro Silveira
  • Wolves, Swallows, and Ewes: A Tale About Real Lives in El Salvador | Nadege Mazars

 

Con il generoso sostegno della Fondazione Henry Luce, è stata resa possibile la messa in atto di tre progetti che presentano nuove narrazioni sul complesso nesso tra religione e migrazione di Nadege Mazars, Robert Pluma e Pedro Silvera.

È stata avviata inoltre una nuova partnership con l’EHRP (Economic Hardship Reporting Project) per supportare la narrazione visiva di lavoro, povertà, insicurezza economica e questioni regionali negli Stati Uniti, e Brendan Hoffman è la prima fotografa sostenuta da questa collaborazione.

“Playing Slowly”, Tatsuniya series, Maiduguri, 2017

Susan Meiselas, presidente della Magnum Foundation e rinomata fotografa, sostiene invece una nuova iniziativa di finanziamento, Counter-Histories, che promuovere approcci sperimentali alla ricerca archivistica e storica, con fondi provenienti ​​da recenti riconoscimenti per il proprio lavoro. Progetti a lungo termine come quelli di Laia Abril, Stephen Ferry e Billy H.C. Kwok sono supportati proprio da questo fondo e dimostra la capacità della fotografia di offrire descrizioni alternative sia di narrazioni ufficiali che nascoste.

Ala Kachuu, Kyrgyzstan, 2019
From On Rape
Laia Abril / Les Filles du Calvaire

Rahima Gambo, Heba Khalifa ed Esther Mbabazi stanno coinvolgendo comunità di donne e ragazze che hanno subito persecuzioni di genere. Il progetto di Mbabazi è una partnership con la Gulu Women with Disabilities Union (Uganda), sostenuta dall’American Jewish World Service.

Tutti e dieci i beneficiari stanno attualmente lavorando ai loro progetti proposti e presenteranno i lavori completati nella primavera del 2020.

PARIS PHOTO 2019

Ha inaugurato ieri giovedì 7 novembre la 23° edizione di Paris Photo, una delle più grandi fiere d’arte internazionale dedicata interamente alla fotografia.

Nello storico Grand Palais di Parigi si sono riuniti 200 espositori da tutto il mondo che offrono a collezionisti ed appassionati i più diversi e rilevanti progetti fotografici del momento: 180 le gallerie che espongono i lavori dei grandi maestri e di giovani talenti cercando così di svelare il meglio della fotografia di oltre due secoli, 33 invece gli editori specializzati e distributori di libri d’arte, poiché la fotografia non esisterebbe senza il supporto cartaceo, essenziale per questo medium.

Paris Photo è l’occasione perfetta per avere l’accesso al meglio del mondo dell’arte legato alla fotografia, il programma, infatti, è molto fitto e include una serie di mostre in rinomate istituzioni pubbliche e private, premi, cicli di conversazioni con i curatori, artisti, collezionisti e critici, e una serie di eventi speciali che esplorano la spettacolare storia del medium fotografico, con un occhio di riguardo per la varietà delle visioni, pratiche e trend emergenti.

In particolare, il programma “In Paris during Paris Photo” collega un densa rete di istituzioni culturali attraverso la città di Parigi, tra cui alcune delle più ricche collezioni fotografiche del mondo. Aperta fino a domenica 10 novembre, la fiera è un’occasione da non perdere.

Da segnare in agenda, inoltre, l’appuntamento per il Paris Photo New York, dal 2 al 5 aprile 2020.

A FORMA MERAVIGLI VIVIAN MAIER A COLORI

Per la prima volta una selezione inedita di fotografie a colori della celebre tata fotografa: ha inaugurato ieri a Forma Meravigli  Vivian Maier. A colori, una mostra a cura di Alessandra Mauro e realizzata in collaborazione con la Howard Greenberg Gallery di New York, che resterà aperta fino al 19 gennaio 2020.

Un percorso espositivo che attraverso le immagini racconta la vita quotidiana dell’America tra gli anni Cinquanta e la metà degli anni Settanta. Vivian Maier guarda alla realtà come un osservatore invisibile, vagando per le strade di Chicago e New York cattura le storie di vita umana raccontando l’ironia, il calore, il paesaggio urbano, i bambini.

Già il 31 luglio la Huxley-Parlour Gallery di Londra presenta Vivian Maier: Colour Photographs, una mostra su questa parte meno conosciuta dell’archivio della fotografa che, per la prima volta, arriva in Europa. Ma anche a Trieste con la mostra The Self-Portrait and its Double curata da Anne Morin al Magazzino delle idee, toccano l’Italia 11 scatti a colori inediti di Vivian Maier.

La sua storia particolare ha influito sicuramente sul successo che ha riscosso negli ultimi anni: Vivian Maier era una babysitter che nel tempo libero amava scattare foto per strada, ma tutto il suo materiale fotografico è diventato un successo solo nel 2010, quando, dopo la sua morte a 83 anni, John Maloof acquisisce un archivio messo all’asta che comprendeva 150.000 immagini tra stampe, negativi, provini e rullini non sviluppati.

Una mostra, dunque, a cui non poter rinunciare, soprattutto per l’occasione di poter vedere alcuni scatti inediti della fotografa oltre che un vivido spaccato di vita americana.

Senza dubbio, Vivian Maier può essere considerata una delle prime poetesse della contemporanea fotografia a colori.” Joel Meyerowitz

_________________________________________

Vivian Maier a colori
Fino al 19 gennaio 2020
Da mercoledì a domenica dalle 11.00 alle 20.00
Lunedì e martedì chiuso
Forma Meravigli
Via Meravigli 5
20123 Milano
www.formafoto.it

 

 

 

Il Vietnam negli scatti di Simone Sapienza

Charlie Surfs on Lotus Flowers di Simone Sapienza è stato selezionato tra i 20 talenti emergenti under 35 per il Foam Talents 2020, la call lanciata dal Foam di Amsterdam per fare il punto sulla fotografia contemporanea.

L’idea di Charlie Surfs on Lotus Flowers nasce nel 2015 come progetto di laurea quando Simone era studente presso l’ University of South Wales, Newport in Galles.

Duranti gli studi di fotografia, Simone viene colpito dalla storia della guerra in Vietnam, che non aveva affrontato nei programmi scolastici e che conosceva solo attraverso le suggestioni scaturite dal racconto nei film americani. 

Nello stesso periodo, in uno studio di comparazione dei prezzi del Big Mac nei fast food di tutto il mondod (Big Mac Index ) aveva notato come l’economia vietnamita stesse cambiando ed espandendosi velocemente.

Per produrre il lavoro si reca in Vietnam tre volte, tra il 2015 e il 2017 e, mentre il suo progetto di ricerca si sviluppa, lo sottopone ai migliori esperti di fotografia internazionale durante incontri e letture portfolio. 

Proprio da una lettura con Alex Bocchetto, durante FotoLeggendo 2016, prende spunto l’idea di una produzione editoriale, che vedrà la luce nel 2018 con l’uscita del libro omonimo, pubblicato da AKINA

Charlie Surfs on Lotus Flowers racconta l’espansione economica e sociale del Vietnam dei giorni nostri, ma anche la disillusione rispetto l’idea di rivoluzione, in uno stile allegorico e mai esplicito che mescola fiction e realtà. Gli Stati Uniti sconfitti da una delle guerre più drammatiche dell’ultimo secolo risultano infatti vincitori sul lungo periodo, poiché il 95% della popolazione vietnamita dichiara oggi di essere favorevole all’economia capitalista. Il paese è giovanissimo, l’età media è di circa 40 anni, l’economia è in forte espansione, ovunque si percepisce un forte ottimismo e tutti credono nel modello economico liberale, nonostante il Paese sia una delle cinque dittature comuniste rimaste al mondo.  

Anche se non è mai esplicito, lo sguardo di Sapienza, a 50 anni dal nostro boom economico e in piena crisi finanziaria, non può non guardare in maniera disincantata all’entusiasmo dei giovani vietnamiti, forti che l’economia capitalista consentirà loro di vivere una vita agiata e più felice.

Nato nel 1990 e figlio dell’epoca berlusconiana, Simone affronta anche il rapporto tra potere politico e spettacolo, con immagini che alludono allo spettacolo come strumento politico per compiacere e controllare le masse. Imponente è anche la ricerca iconografica che Simone ha compiuto negli archivi storici vietnamiti e che riporta nel suo lavoro, come la fotografia dell’autobus davanti a un cancello, rimando all’immagine del carro armato che si abbatte sull’ingresso del palazzo presidenziale durante la caduta di Saigon.

Charlie Surfs on Lotus Flowers rimane in mostra fino all’11 ottobre presso gli spazi di Officine Fotografiche Milano, Ingresso gratuito.