PHOTO VOGUE FESTIVAL 2019 – INEZ & VINOODH HI-LO TRANSFORMERS 

Giunto alla 4° edizione, il Photo Vogue Festival diventa simbolo di cultura ed eccellenza in campo fotografico. Un’occasione unica per tutti gli appassionati di fotografia, arte e moda di entrare in contatto con professionisti e figure chiave del settore tra maestri della fotografia, curatori e agenzie.

Il main event si svolgerà dal 14 al 17 novembre a BASE Milano, nell’hub creativo si terrà la mostra “A Glitch in the System, deconstructing stereotypes” che verrà anticipata dall’esposizione a Palazzo Reale “Inez & Vinoodh Hi-Lo Transformers”.

 

La mostra “Inez & Vinoodh Hi-Lo Transformers”, inaugura oggi 31 ottobre ed è a cura di Francesco Bonami, promossa e prodotta dal Comune di Milano-Cultura, Palazzo Reale e Vogue Italia. E’ la prima che si tiene in un’istituzione pubblica in Italia, in cui Inez & Vinoodh hanno deciso di immergersi nell’high-tech per poi sovvertirlo.

L’esposizione sarà costituita da una serie di immagini iconiche di I&V trasformate in grandi cartelloni dipinti a mano ad opera di Jason Coatney di Colossal Media, leader globale della pubblicità outdoor dipinta a mano. Ad ospitare la mostra saranno le sale negli appartamenti privati del Principe di Palazzo Reale, il risultato sarà un dialogo stravagante tra lo stile fotografico degli artisti, il contesto espositivo sfarzoso e l’arte grezza dei cartelloni pubblicitari.

Dal reale alla realtà è il percorso immaginario concepito dai due artisti che, in questo modo, vogliono fuggire dalle convenzioni della fotografia, dell’arte commerciale e da quelle della fotografia che si reputa “alta”. Servendosi di strumenti virtuali e digitali, I&V li fanno recedere a vettori di un più alto contenuto emozionale. Una nuova opportunità per immergersi nel loro mondo, spettacolare ed intimo allo stesso tempo, attraverso dipinti low-tech e un video high-tech si potranno comprendere la loro arte e il loro rapporto con i mutamenti continui della cultura contemporanea.

 

A FORMA MERAVIGLI VIVIAN MAIER A COLORI

Per la prima volta una selezione inedita di fotografie a colori della celebre tata fotografa: ha inaugurato ieri a Forma Meravigli  Vivian Maier. A colori, una mostra a cura di Alessandra Mauro e realizzata in collaborazione con la Howard Greenberg Gallery di New York, che resterà aperta fino al 19 gennaio 2020.

Un percorso espositivo che attraverso le immagini racconta la vita quotidiana dell’America tra gli anni Cinquanta e la metà degli anni Settanta. Vivian Maier guarda alla realtà come un osservatore invisibile, vagando per le strade di Chicago e New York cattura le storie di vita umana raccontando l’ironia, il calore, il paesaggio urbano, i bambini.

Già il 31 luglio la Huxley-Parlour Gallery di Londra presenta Vivian Maier: Colour Photographs, una mostra su questa parte meno conosciuta dell’archivio della fotografa che, per la prima volta, arriva in Europa. Ma anche a Trieste con la mostra The Self-Portrait and its Double curata da Anne Morin al Magazzino delle idee, toccano l’Italia 11 scatti a colori inediti di Vivian Maier.

La sua storia particolare ha influito sicuramente sul successo che ha riscosso negli ultimi anni: Vivian Maier era una babysitter che nel tempo libero amava scattare foto per strada, ma tutto il suo materiale fotografico è diventato un successo solo nel 2010, quando, dopo la sua morte a 83 anni, John Maloof acquisisce un archivio messo all’asta che comprendeva 150.000 immagini tra stampe, negativi, provini e rullini non sviluppati.

Una mostra, dunque, a cui non poter rinunciare, soprattutto per l’occasione di poter vedere alcuni scatti inediti della fotografa oltre che un vivido spaccato di vita americana.

Senza dubbio, Vivian Maier può essere considerata una delle prime poetesse della contemporanea fotografia a colori.” Joel Meyerowitz

_________________________________________

Vivian Maier a colori
Fino al 19 gennaio 2020
Da mercoledì a domenica dalle 11.00 alle 20.00
Lunedì e martedì chiuso
Forma Meravigli
Via Meravigli 5
20123 Milano
www.formafoto.it